Oltre il travestimento: oltre il corpo – travestimento come viaggio nel tempo non-tempo

Ogni pratica di Travestimento, come forma artistica e sociale, è figlia del proprio tempo. Se Marcel Duchamp, Claude Cahun e Pierre Molinier affondavano le loro lame taglienti nel cuore della questione sessuale è perché, di fatto, era da lì che si doveva partire. Ecco dunque che oggi ci consegnano il ricordo di una storia di … Continue reading Oltre il travestimento: oltre il corpo – travestimento come viaggio nel tempo non-tempo

‘The Future is Fluid’: Gucci si batte per il genere

In questo film ci sono 13 persone, dai 15 ai 25 anni, dal Brasile, Canada, India, Italia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, USA, Singapore e Sud Africa. Racconta la storia di linee sfocate e confini, una storia che vive nello spazio in mezzo - in mezzo a lingue, culture, zone del tempo e binarietà. Una … Continue reading ‘The Future is Fluid’: Gucci si batte per il genere

Oltre il travestimento: oltre il corpo – Claude Cahun e Pierre Molinier

Travestimento come svelamento e liberazione del corpo Nonostante la mera operazione di Travestitismo, l’eco di Rrose Sélavy si espande fino agli orizzonti più prossimi alla nostra contemporaneità, in termini tecnici e concettuali. Il corpo come veicolo di espressione artistica grazie al suo centralismo, alla gestualità ma soprattutto alla sua presenza fa di Duchamp un anticipatore … Continue reading Oltre il travestimento: oltre il corpo – Claude Cahun e Pierre Molinier

La comunità LGBT+ tra scelte personali e rispetto reciproco

Parlando della sigla LGBT+ bisogna partire da un presupposto fondamentale: le etichette (perché in fondo di etichette si tratta) sono qualcosa che il singolo individuo sceglie per se stesso, non sono infatti altro che categorie sociali e interpersonali e relazionali e sentimentali in cui si decide che ci si sente più a proprio agio che … Continue reading La comunità LGBT+ tra scelte personali e rispetto reciproco

ORLAN: l’ossimorico binario tra libertà e chirurgia plastica

Uno psicanalista al quale confidavo la mia intenzione di modificare il mio volto ha reagito come se gli avessi annunciato il mio suicidio; è uscito dal suo solito comportamento professionale per proibirmi di toccare o modificare il mio corpo.ORLANParlare di chirurgia plastica oggi farebbe cadere chiunque nel baratro della banalità, sia in ambito meramente descrittivo … Continue reading ORLAN: l’ossimorico binario tra libertà e chirurgia plastica