L’estetizzazione della patologia: ‘Braid’ – recensione

Braid in inglese vuol dire "treccia" e il film rappresenta tre amiche, tre legami o tre streghe come tre ciocche che la compongono. Braid incrocia, o meglio evoca, o meglio si ispira deliberatamente alle ambientazioni che abbiamo visto in Funny Games di Michael Haneke o Ghostland di Pascal Laugier . Niente di nuovo, insomma, un … Continua a leggere L’estetizzazione della patologia: ‘Braid’ – recensione →