INTRODUCING: Sub Urban

Spuntato praticamente dal nulla, Sub Urban è un artista emergente che ha pubblicato da poco il suo primo EP, Thrill Seeker, anticipato dai singoli Cradles e Freak.
Le pochissime informazioni che si sanno di lui sono che ha vent’anni, è statunitense e suona il piano da più di nove anni.
Nonostante sia uscito allo scoperto da poco, con i due video ufficiali rilasciati finora ha raggiunto già più di cento milioni di visualizzazioni, e questo perché la sua prima canzone, Cradles, ha spopolato su Tik Tok. Ma la storia è ancora più interessante: Cradles, infatti, è stata pubblicata su Youtube senza copyright, cosa che ha permesso a milioni di persone di riutilizzarla nei propri video monetizzandoli.
E così è nato un fenomeno.

Il video di Cradles, tuttavia, dimostra che Sub Urban non è proprio uno scappato di casa, dato che si può notare una buona produzione dietro. Le atmosfere, sia musicali sia cinematografiche, ricordano da vicino lo stile di Billie Eilish, che si fa sentire nelle basi, nel modo di cantare trascinato e nell’inserire elementi inquietanti nei video e nei testi delle canzoni (KMS parla letteralmente di una voce nella sua testa che gli dice di uccidersi).
Anche Freak, il secondo singolo, molto simile al primo, è un bel pezzo dark pop, in cui Sub Urban conferma di voler prendere la strada dell’alternative pop elettronico, in pieno stile Joji. E non mi dispiace.
Pur rimanendo quasi sempre sulle stesse sonorità e gli stessi temi, il suo EP di debutto lancia un artista decisamente interessante, in grado secondo me di poter sorprendere con le prossime uscite. Le canzoni si somigliano molto tra loro, eppure Sub Urban, grazie a una produzione importante, riesce a distinguersi dalla massa proponendo un giovane freak alla Melanie Martinez che parla di suicidio, malattie mentali, mostri nell’armadio e stranezze varie.
Sicuramente niente di innovativo fino adesso, eppure ha appena iniziato.

Se vuoi, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...