10 film romantici non convenzionali da vedere a San Valentino

Oggi è San Valentino: le coppie più affiatate, quelle che condividono l’account su Facebook e si chiamano al cellulare ogni mezz’ora, esaltano; quelle che non festeggiano neanche l’anniversario perché non se lo ricordano, invece, bestemmiano.
Che lo si ami o lo si odi, San Valentino è un giorno “speciale”, soprattutto per i cinefili: quanti film romantici conoscete? A bizzeffe, a centinaia, e la maggior parte fanno cagare; sono pochi quei film in grado di parlare d’amore senza far venire il latte ai coglioni, senza vomitare sullo spettatore una caterva di frasi fatte e cliché. Sono pochi, ma ci sono. 
Oggi ho deciso di fare non una lista dei miei film romantici preferiti (alcuni di questi sono piuttosto famosi), ma piuttosto una raccolta di titoli sconosciuti ai più, alcuni dei quali parlano d’amore in modo non necessariamente convenzionale e che possono servire come spunti di riflessione su vari temi.
Perciò ecco 10 film poco conosciuti da vedere a San Valentino.

10. 10 cose che odio di te (Gil Junger)

Non ho ancora capito se si tratta di un cult oppure ero l’unico a non aver mai visto questo film; in ogni caso, si tratta di una commedia adolescenziale leggera, molto carina e soprattutto non così scontata come sembra (anche se in realtà la storia è abbastanza convenzionale, MA c’è lui: Heath Ledger). Lo trovate su Netflix.

9. From Beginning to End – Per Sempre 
(Aluizio Abranches)

L’amore omosessuale di due fratelli. Film brasiliano che affronta il tema dell’incesto in modo molto delicato e struggente; quando l’amore supera ogni confine, anche quello della famiglia. Forse sarà un po’ uno sbattimento trovarlo, ma vi assicuro che ne varrà la pena (anche solo per i due protagonisti – uno dei quali, Rafael Cardoso, è colpevole di avermi disegnato nella mente il protagonista del mio romanzo, Nico – talmente belli da non essere veri).

8. Center of My World/Quando hai 17 anni
(Jakob M. Erwa/André Téchiné)

Il primo, Center of My World, è tedesco; il secondo francese. Due film che trattano di amore LGBTQ senza (s)cadere nella tragicità greca (e per questo non sono convenzionali); due piccole storie d’amore che non ammorbano, non stancano, non cadono troppo nella banalità (e, di nuovo, vanno visti anche solo per rifarsi un po’ gli occhi, specie il primo film dove recitano due adoni tedeschi da mozzare il fiato).

7. American Life/Paradiso + Inferno
(Sam Mendes/Neil Armfield)

Il primo me l’ha consigliato il mio boss, Andrea Guaia (ShivaProduzioni), il secondo lo conoscevo già. Di nuovo il tanto pianto Heath Ledger, di nuovo due storie d’amore non convenzionali che assicurano, oltre a qualche risata (parlo di American Life), anche qualche lacrima (parlo di Paradiso + Inferno).

6. L’Atalante (Jean Vigo)

Un film che ha fatto la storia del cinema.
“Non sai che nell’acqua si vede la persona che si ama? Lo vedrai anche tu, un giorno, quando lo farai credendoci.”

5. Maudie – Una vita a colori (Aisling Walsh)

Uscito pochi anni fa, conta la partecipazione della straordinaria Sally Hawkins, affiancata da Ethan Hawke. Il vero amore, quello che capita una volta solo nella vita; quello con cui invecchi e speri di morire. Ci sono delle scene da brividi (fate scorta di Kleenex, però).

4. La terra di Dio (Francis Lee)

Ho scritto la recensione di questo film per ShivaProduzioni (qui se volete recuperarla). Una delle migliori opere cinematografiche a tematica LGBTQ degli ultimi anni. Dalle campagne dello Yorkshire, una storia d’amore travagliata, vissuta, sentita, che parla di emozioni, di consapevolezza, di paura del diverso, dell’altro, che può farci capire cose di noi che neanche sappiamo. La risposta inglese a I segreti di Brokeback Mountain.

3. Harold e Maude (Hal Ashby)

Gerontofilia portami via. Bruce LaBruce non ha fatto bene i compiti a casa quando ha diretto Gerontophilia nel 2013. Harold e Maude è un film bellissimo, unico, toccante, in grado di far riflettere sulla vita e sulla morte attraverso la storia d’amore tra un ragazzino di diciott’anni e una donna di ottanta. Una vera chicca del cinema, purtroppo non così conosciuta.

2. Tutti i film di Makoto Shinkai

5 centimetri per secondi è uno dei film che più mi hanno fatto piangere nella mia vita, della serie che non mi riprendevo più. Per non parlare de Il Giardino delle Parole, Your Name e Oltre le Nuvole. Makoto Shinkai ha il dono di parlare d’amore con la storia più semplice o più complicata del mondo, cadendo anche nella banalità, forse, a volte, ma non ci fai caso, grazie al suo stile che rende infinitamente poetica qualsiasi sua opera.

1. The Lobster (Yorgos Lanthimos)

Non stiamo parlando di un film sconosciuto, ma stiamo parlando del primo che mi viene in mente se penso a film che trattano d’amore – senza parlarne direttamente. Se qualcuno mi chiedesse “cos’è l’amore per te?”, direi The Lobster. Tutte le risposte alle domande sull’amore sono in questo film. Grazie Lanthimos.

Se vuoi, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...