Un altro amore datato Dawson’s Creek, incoronato con l’opera di BertolucciThe Dreamers – I Sognatori e desiderato ardentemente nell’agghiacciante Funny Games di Haneke.
Michael Pitt, attore, modello e musicista statunitense, classe 1981, è uno di quei fetish sogni adolescenziali che ti porti dietro tutta la vita. Un po’ un guilty pleasure, con il suo fascino tenebroso da musicista anglofono tormentato fine anni ’90, un po’ Pete Doherty versione posso-ancora-salvarlo-dalla-droga. Io l’ho sempre considerato la metà cattiva di Leonardo Di Caprio, come Gengar e Clefairy: stesso fisico, stessi capelli, stessi occhi impenetrabili. Ma la cosa che mi ha sempre fatto impazzire di Michael Pitt sono le sue labbra: morbide, carnose, con quel taglietto sul labbro inferiore che lo rende ancora più sexy.
Sarà anche morto come attore, ma finché non si distruggerà completamente rimarrà un bel faccino da guardare.


4fe2322b749707490a845d4d802780ed

 

Scritto da Felix White

Sono uno scrittore che non punta alle stelle, ma ai buchi neri.

Se vuoi, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...